Heroes by Greg Goya - Serie Limitata

Ho dipinto due mani che si sfiorano, separate da un nemico invisibile che le
costringe alla distanza. Rappresentano la distanza che ci separa e ci stringe
tra le mura di una stanza, quella distanza che ci toglie il fiato e ci obbliga a
cercare ossigeno nella promessa che tutto ciò finisca.


Le due mani che sono un tributo ad uno dei più grandi artisti che il
nostro Paese ci ha regalato e che contemporaneamente mi ricordano la
bellezza dell’Italia, terra di uomini capaci di superare ogni ostacolo.
La spietata democrazia di questo virus che colpisce ognuno di noi ci ha fatto
scoprire fragili e vulnerabili, muti davanti al dramma e prigionieri nelle nostre
case nell’attesa che l’emergenza si esaurisca.


Eppure la distanza che ci separa ci ha anche unito in una resistenza
silenziosa e immobile, nel sostegno verso chi lotta ogni giorno tra le corsie e
scommette la propria vita contro il virus. Ho scelto di rappresentare questa
unione mediante un sottile filo rosso che unisce le due mani, spezzate dal
virus ma unite dai medici che lo combattono. Sono eroi silenziosi che ogni
giorno superano i propri limiti e tengono viva la speranza.
Per questo ho dipinto una frase del giuramento di Ippocrate, prestato per
secoli dai medici prima di iniziare la professione: “con innocenza e purezza io
custodirò la mia vita e la mia arte”.